Archivi del giorno: 12 febbraio 2013

Una carezza per la sera

Ora che la sera è scesa e anelata è una pace che non c’è.

Ora che il buio confonde i contorni delle cose rimandando ai sogni gli più aperti

Un piccolo gesto, come una mano che sfiora il viso.

Un momento di silenzio.

Venezia Tramonto


Il Papa non c’è più. Viva il Papa

Sì, anch’io…

Stamattina un post scritto con la delicatezza che Le appartiene da una blogger che seguo, mi ha fatto nascere un commento, che qui riporto un po’ più elaborato come post.

Più volte questa mattina ho letto frasi di compiacimento per le dimissioni del Papa, gesto che viene messo a confronto con l’abitudine tutta italiana di rimanere incollati alle poltrone, come se fossero cucite ai pantaloni (di qui i maggiori posti occupati dagli uomini rispetto alle donne). Personalmente non lo ritengo fattibile. Quando si parla della Chiesa, nel bene e nel male, si parla di qualcosa di molto più grande della nostra Società e il ruolo del Papa è su un piano ben diverso dalle nostre meschinità quotidiane. Almeno dovrebbe.

Non ho amato Ratzinger come Papa, ma lo reputo una persona che crede in ciò che fa, per questo non motivo il suo gesto in altra maniera dall’esser convinto di far qualcosa di buono per la Chiesa. Da questo punto di vista, guardo d’istinto al gesto del Papa come un atto di responsabilità. Questa però è una opinione personale, come le altre non motivabile da notizie, poiché come sempre nelle cose della Chiesa noi sappiamo niente.

Riguardo allo stato fisico… Abbiamo avuto un predecessore che è stato ben peggio e che pure non è sceso dalla Croce. Abbiamo avuto una prima pietra della Chiesa che con il suo “Quo Vadis Domine?”, dettato mentre scappava, dovette tornare per farsi crocifiggere, poiché “non si scende dalla Croce”. Insomma, il gesto è troppo complicato per parlare solo di dimissioni. Troppo pesante e grande e oscuro per essere a favore o contro.

Abbiamo sentito tutto e il contrario di tutto. Persino di un attentato programmato alla sua persona. Per quanto ne sappiamo noi, il Papa sta agendo con responsabilità nella stessa misura nella quale potrebbe star scappando.

Non riesco a schierarmi. Non lo ritengo giusto, né possibile. Riesco soltanto a tacere e a cercare di capire cosa ne verrà fuori. Rispetto. Questo sì.

Umberto


Buongiorno

“Senza musica la vita sarebbe un errore”

(Friedrich Nietzsche)


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: