Archivi categoria: Riflessioni

Per testimoniare

SAMSUNG TECHWIN DIGIMAX-340

Un paio di scarpette rosse

C’è un paio di scarpette rosse
numero ventiquattro
quasi nuove:
sulla suola interna si vede ancora la marca di fabbrica
“Schulze Monaco”.
C’è un paio di scarpette rosse
in cima a un mucchio di scarpette infantili
a Buckenwald
erano di un bambino di tre anni e mezzo
chi sa di che colore erano gli occhi
bruciati nei forni
ma il suo pianto lo possiamo immaginare
si sa come piangono i bambini
anche i suoi piedini li possiamo immaginare
scarpa numero ventiquattro
per l’ eternità
perché i piedini dei bambini morti non crescono.
C’è un paio di scarpette rosse
a Buckenwald
quasi nuove
perché i piedini dei bambini morti
non consumano le suole. 

(Joyce Lussu)

Annunci

L’aqua

Mi piacerebbe conoscere il punto di vista dell’acqua


Laudate Hominem

Senza riflessione è tutto inutile.

Senza comprensione è tutto inutile.

Senza silenzio è tutto inutile.

Senza condivisione è tutto inutile.

Senza impegno è tutto inutile.


Sotto la Croce

Non fossi stato figlio di Dio t’avrei ancora per figlio mio…


Eppure qui…

20140417-201455.jpg

C’è ancora la pista di atletica dove mi allenavo e correvo le mie gare, alternando qualche figuraccia a qualche vittoria e ridendo sempre insieme ai miei compagni, anche quando dopo i 400 m il cuore sembrava voler continuare la sua corsa al di fuori del corpo.
Ci sono ancora le tribune e gli spogliatoi e la gabbia dalla quale un disco lanciato male colpì in testa una ragazza, tranquilla al di fuori dello spicchio di campo gara.
C’è ancora la postazione dello starter, allo sparo del quale in cinque ci fingemmo morti.
C’è il mio completo di atletica regalo per il diciottesimo dei miei compagni di liceo.
C’è la mia tuta nuova della A.S. Brescia, consegnata e indossata un 20 Maggio caldissimo, perché i soldi quelli erano e si era dovuto scegliere un tessuto solo. Che caldo!

Ci sono ancora i miei ricordi.

Purtroppo c’è anche questo

20140417-202328.jpg

Il “mio” campo di atletica è il Campo Calvesi di Brescia.
Sull’erba sulla quale stanchi ci sdraiavamo a guardare il cielo oggi nemmeno si può camminare, perché il rischio è la morte. Come quella che colpisce troppi in quelle zone troppo vicine alla Caffaro e al suo Pcb.

Eppure qui…

Eppure qui un giorno una gremita curva gridò di gioia, perché una ragazza di Verona scalò il cielo, portando un sogno a 2,01 metri. Nuovo record del mondo di salto in alto.

Quanti sogni questo Paese riesce a distruggere? Quante nubi cerca di mettere a coprire il sole di uno spessissimo fulgido passato?
Non mi adeguo, non ne sono capace. Non voglio esserlo.

Mi tengo i miei ricordi e cerco di trasformarli in azioni per il futuro.
Possiamo forse fare altro?

Ah, l’avete capito: quella ragazza si chiamava, si chiama, Sara Simeoni.


L’orrore negli occhi

il più grande, che tu guardi, abbraccerà tuo figlio…


Domande un po’ così

L’attesa è più lunga dell’evento poiché in un batttito di ciglia esso si manifesta o svanisce, o perché in essa si susseguono sogni e idee?


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: